MOTO MORINI DALLE ORIGINI ALLA RINASCITA (1a parte)

Posta qui articoli e libri inerenti al mondo delle moto
Rispondi
Avatar utente
Gioel
Messaggi: 805
Iscritto il: 15/09/2017, 11:34
Moto: Honda VT 750S
Località: Cavenago Brianza (MB)

MOTO MORINI DALLE ORIGINI ALLA RINASCITA (1a parte)

Messaggio da Gioel » 05/04/2018, 18:17

01 Marchio.jpeg
01 Marchio.jpeg (6.03 KiB) Visto 147 volte
La storia
La storia di questo glorioso marchio inizia da quella del suo fondatore, Alfonso Morini classe 1898.
Sin da giovanissimo Alfonso dimostra una grande passione per la meccanica e per i motori. Dopo una breve esperienza presso un’officina di riparazioni motori, si mette in proprio aprendo una piccola officina di motoriparatore. Era il 1914, e da li a poco lo scoppio della prima guerra mondiale lo costringeva però a sospendere l'attività.
Durante il conflitto Alfonso Morini si arruola volontario, riuscendo ad entrare nell' VIII Reparto motocicli di Padova, dove può incrementare la sua esperienza lavorando su svariati modelli di motocicli italiani ed esteri.
Alla fine del conflitto Alfonso Morini torna a Bologna nella sua piccola officina di legno, dove riprende l'attività di motoriparatore. In quegli anni cresce in lui la voglia di progettare motociclette e dedica il poco tempo libero e le ore notturne a questi progetti.
Nel 1924 Morini inizia la sua attività di costruttore, ricevendo da Mario Mazzetti l'incarico di realizzare un proprio progetto di bici equipaggiata con un motore 125 c.c. a due tempi.
Una volta costruita la moto, Alfonso Morini decide anche di portarla in gara, dove al suo esordio manca la vittoria solo a causa di un banale incidente. Il debutto è comunque esaltante, e spinge Mazzetti e Morini a decidere di produrre in serie la motocicletta.

Alfonso Morini in gara sulla M.M. 125 da lui stesso realizzata in società con Mario Mazzetti. Si trattava di un monocilindrico a due tempi di elevate prestazioni.
03 MM 125-2.jpg
03 MM 125-2.jpg (16.64 KiB) Visto 147 volte

Nasce così il 18 Settembre 1924 la M.M., che in poco tempo acquista fama e prestigio in campo nazionale, un successo al quale certamente Alfonso Morini contribuisce in modo determinante in qualità di tecnico e pilota.
Tra i successi ottenuti spiccano sei primati mondiali ottenuti al Gran Premio delle Nazioni del 1927 e il record di velocità classe 175 c.c. ad oltre 162 Km/h del 1933.
Alla M.M. Morini trascorse tredici anni, e nel 1937 chiese di essere liquidato, ottenendo 24.000 lire, una scatola di compassi e una moto usata, che rivendette subito, in vista dei suoi nuovi progetti.
Con questo capitale Alfonso Morini, che negli anni trascorsi alla M.M. aveva ottenuto molte soddisfazioni, ma pochi ricavi economici, decide di intraprendere la sua avventura imprenditoriale fondando ufficialmente la Moto Morini.

Alfonso Morini, Mario Mazzetti e le M. M.
04 mario-mazzetti t.jpg
04 mario-mazzetti t.jpg (34.86 KiB) Visto 147 volte
La M.M. 175 del 1932
05 La M.M. 175 del 1932.jpg
05 La M.M. 175 del 1932.jpg (45.92 KiB) Visto 147 volte

L’azienda
Agli inizi la produzione è rivolta ai motocarri, veicoli che in quegli anni avevano un notevole mercato, ed anche per rispettare l'accordo preso con l'ex socio Mazzetti di non produrre motocicli.
I modelli offerti sono un motocarro da 350 c.c. ed uno da 500 c.c., entrambi a valvole laterali, i cui motori venivano anche venduti separatamente ad assemblatori di motoveicoli da trasporto.

Poi nel ‘39 la Morini si affermò nel settore con l'M610, un motocarro di grande robustezza e ampia capacità di carico, dotato di un motore di 608 cc, con trasmissione a cardano, lubrificazione a carter secco e cambio separato.
06 m610-2 r.jpg
06 m610-2 r.jpg (68.22 KiB) Visto 147 volte

Le motociclette
Ancora una volta è la guerra a fermare Alfonso Morini, che si trova costretto a convertire la fabbrica per la costruzione bellica, cosa che continua sino al 1943, quando un bombardamento rade al suolo l'edificio. Questo duro colpo economico e morale, non frena però la sua iniziativa, e alla fine del conflitto si rimette al lavoro.
Dopo aver trovato una nuova sistemazione, dà sfogo alla sua passione per le due ruote, mettendo in produzione la prima Moto Morini, la T125. Si tratta di una monocilindrica due tempi di 125 c.c. con cambio a tre velocità, chiaramente ispirata alla tedesca DKW molto in voga in quegli anni. Ancora una volta le capacità di Alfonso vengono alla luce, e la moto riscuote subito un gran successo, motorizzando molti italiani. Ben presto venne affiancato un modello Sport, con struttura praticamente invariata, ma con l'incremento di potenza da 4,5 a 5,75 CV.

La Morini T125 del 1946 (Nel 1952 la forcella a paralleloframma e le sospensione posteriore a ruota guidata lasciano il posto ad una forcella telescopica e ad una coppia di ammortizzatori con forcellone oscillante.)
07 La Morini T125 del 1946.jpg
07 La Morini T125 del 1946.jpg (54.02 KiB) Visto 147 volte

Per quanto riguarda la produzione di serie, negli anni sessanta conoscono grande diffusione la Sbarazzino 100 e la Corsaro 125, affiancata da un modello d'ingresso di cilindrata inferiore: la Corsarino 48.
Moto concepite per l'utilizzo stradale, ma l'anima sportiva Moto Morini emerge nuovamente quando dalla Corsaro 125 viene derivata la Corsaro Veloce, che verrà poi declinata in numerose varianti sportive: la Competizione, la Sport, la Lusso, la Super Sport, la Country, la Regolarità.

08-09 sbarazzino 100 cr - corsaro 125 bisbis.jpg
08-09 sbarazzino 100 cr - corsaro 125 bisbis.jpg (47.65 KiB) Visto 106 volte
La Corsaro nacque per sostituire la 125 Turismo a due tempi, risalente all'inizio degli anni cinquanta. Il motore derivava da quello dello Sbarazzino del 1956; un monocilindrico quattro tempi di 98 cm³ con distribuzione ad aste e bilancieri, portato a 125 cm³ e con un telaio a culla aperta in tubi tutto nuovo (sullo Sbarazzino erano presenti elementi in lamiera stampata).
La nuova 125 bolognese grazie alle sue prestazioni riscosse un buon successo.
Nel 1963 uscì la Corsaro Veloce, dotata di un'estetica rivista e di un motore potenziato a 9 CV, che spingeva la moto a 115 km/h. L'anno successivo la gamma fu ampliata con un modello di 150 cm³.
Nel 1969 la gamma Corsaro fu completamente rivista: due gli allestimenti, Sport Lusso e Super Sport, il primo solo di 125 cm³, il secondo anche 150 cm³. In entrambi i casi il cambio passò da 4 a 5 marce.
Nel 1970 uscì la Corsaro Country, scrambler con motore della Super Sport e telaio della versione da Regolarità e nel 1972 la Corsaro Special, con allestimento sportiveggiante, disponibile con i motori di 125 cm³ e 150 cm³.
La produzione della Corsaro cessò nel 1974, quando fu sostituito dalla 125 H con motore derivato dalla 3 1/2.

Il Corsarino, fu prodotto e venduto ininterrottamente dal 1963 al 1977 in diverse versioni (Z, ZZ, ZT, Scrambler e Super Scrambler), sarà uno dei modelli più popolari della casa bolognese.
Pur essendo un ciclomotore, secondo la normativa italiana, era in realtà costruito come una moto vera e propria con telaio a doppia culla e motore a 4 tempi, divenendo ben presto uno dei mezzi più ambiti dai giovani dell'epoca.
Di questa moto venne anche prodotta una versione per l'esportazione negli USA con motore maggiorato a 60 cm³ denominata "Pirate" o "Twister"

La Corsarino zz48
9 corsarino zz48 c.jpg
9 corsarino zz48 c.jpg (44.79 KiB) Visto 101 volte

segue.....
Ultima modifica di Gioel il 11/04/2018, 10:16, modificato 3 volte in totale.
✌️BRACCIO IN FUORI.... SEMPRE!!!!!!

Avatar utente
ziomauri
Messaggi: 861
Iscritto il: 06/10/2017, 7:40
Moto: Honda VT 750 S - Motina Due
Località: Castelnuovo del Garda

Re: MOTO MORINI DALLE ORIGINI ALLA RINASCITA (1a parte)

Messaggio da ziomauri » 05/04/2018, 19:03

Magnifico !!!
Avanti così Gioel !!! :) :) :)

Avatar utente
geronimo
Messaggi: 701
Iscritto il: 10/10/2017, 20:01
Moto: Dragstar 1100 classic/ MV 175 cstl del 1956/ Aermacchi ala d'oro replica ..... in eterna costruzione
Località: Treviso

Re: MOTO MORINI DALLE ORIGINI ALLA RINASCITA (1a parte)

Messaggio da geronimo » 05/04/2018, 19:57

E quì ci voleva la lacrimuccia :|
07 La Morini T125 del 1946.jpg
07 La Morini T125 del 1946.jpg (54.02 KiB) Visto 139 volte
L'aveva mio padre e ci facevamo i giretti domenicali :)

Grande Gianni, aspetto il seguito :) :) :)
Nulla ha potere su di me tranne i miei stessi pensieri

Avatar utente
Gianluigi
Amministratore
Messaggi: 498
Iscritto il: 15/09/2017, 16:54
Moto: yamaha Vstar xvs950a
Località: cologno monzese

Re: MOTO MORINI DALLE ORIGINI ALLA RINASCITA (1a parte)

Messaggio da Gianluigi » 05/04/2018, 20:03

Grande Gianni la storia delle moto made in italy è una gran cosa beer
Gli amici sono quelli che ti aiutano a rialzarti, quando le altre persone neanche sapevano che eri caduto.

Avatar utente
Pasquale63
Amministratore
Messaggi: 573
Iscritto il: 16/09/2017, 18:55
Moto: Dragstar 650 Classic del 1998
Località: Milano

Re: MOTO MORINI DALLE ORIGINI ALLA RINASCITA (1a parte)

Messaggio da Pasquale63 » 05/04/2018, 20:32

Grande Gianni, grazie. Belle storie, avanti così! beer beer beer beer beer

Avatar utente
davide
Messaggi: 479
Iscritto il: 06/10/2017, 16:51
Moto: yamaha dragstar xvs 650
Località: veduggio con colzano

Re: MOTO MORINI DALLE ORIGINI ALLA RINASCITA (1a parte)

Messaggio da davide » 05/04/2018, 20:56

beer Grazie Gianni.....
viaggiare senza meta e' la piu' grande espressione di liberta'.....

Avatar utente
Fabulous Fabs
Messaggi: 412
Iscritto il: 15/09/2017, 13:26
Moto: Dragstar 1.1 Custom
Località: Il Mondo

Re: MOTO MORINI DALLE ORIGINI ALLA RINASCITA (1a parte)

Messaggio da Fabulous Fabs » 05/04/2018, 23:14

Gianniiiiiiiiii

Bellissimo reportage.

Grazzzzie
:lol: Fabulous Fabs :lol:

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite