STORIA DEL SIDECAR

Posta qui articoli e libri inerenti al mondo delle moto
Avatar utente
Gioel
Messaggi: 862
Iscritto il: 15/09/2017, 11:34
Moto: Honda VT 750S
Località: Cavenago Brianza (MB)

STORIA DEL SIDECAR

Messaggio da Gioel » 21/06/2018, 12:08

Dedicato ai pionieri del sidecar, artefici di una parte della storia dei trasporti troppo spesso dimenticata.
La storia di questo veicolo attraverso una mostra itinerante dei sidecar storici più rappresentativi, arricchiti da accessori molto originali che testimoniano la creatività e la fantasia dei nostri antenati.
Con questi esemplari si possono rivivere gli ultimi 100 anni di storia dell'uomo che, attraverso sforzi ed invenzioni, ha creato veicoli sempre più perfezionati, oggi facilmente reperibili, ma figli d'un passato di ricerca e sperimentazione.


DRAISINA A TRE RUOTE, ANNO1817.
La prima bicicletta nasce in Germania nel 1817 con il nome di "Macchina per correre" poi una serie di passaggi l'hanno portata ad essere motorizzata.
Il nuovo veicolo ha un buon successo specialmente a Parigi, dove viene ribattezzato "Velocipide" o "Draisienne" (dal nome dell'inventore Von Drais).
Nello stesso anno nasce la Draisina a tre ruote, ispirata alla slitta su ghiaccio: era il primo veicolo utilizzato per il trasporto di un passeggero, posizionato nella parte anteriore.

ACCESSORI E CURIOSITA': era possibile migliorare il veicolo con ombrello parasole e parapioggia, vela per sfruttare le correnti d'aria, lanterna per l'illuminazione, ingrassatori sui mozzi delle ruote, targa con lo stemma Von Drais.
Più tardi, nasceva anche l'idea di installare un motore a vapore.
01 Drasina a tre ruote, 1817. 400px.jpg
01 Drasina a tre ruote, 1817. 400px.jpg (23.91 KiB) Visto 177 volte
Ultima modifica di Gioel il 24/06/2018, 14:29, modificato 3 volte in totale.
✌️BRACCIO IN FUORI.... SEMPRE!!!!!!

Avatar utente
ziomauri
Messaggi: 989
Iscritto il: 06/10/2017, 7:40
Moto: Honda VT 750 S - Motina Due
Località: Castelnuovo del Garda

Re: STORIA DEL SIDECAR

Messaggio da ziomauri » 21/06/2018, 16:30

Azzz... si poteva avere la versione base o super accessoriata !! :D :D :D

Avatar utente
geronimo
Messaggi: 746
Iscritto il: 10/10/2017, 20:01
Moto: Dragstar 1100 classic/ MV 175 cstl del 1956/ Aermacchi ala d'oro replica ..... in eterna costruzione
Località: Treviso

Re: STORIA DEL SIDECAR

Messaggio da geronimo » 21/06/2018, 18:38

Grazie Gianni,..............ogni volta che vedo i toui post pensosempre che dovevo nascere 100 anni fa!
Allora la fantasia non aveva limiti e non aveva nemmeno veti assurdi come li abbiamo oggi. La creatività trovava spazio, l'ingegno diventava espressione, la fantasia creava novità.
Nulla ha potere su di me tranne i miei stessi pensieri

Avatar utente
Gioel
Messaggi: 862
Iscritto il: 15/09/2017, 11:34
Moto: Honda VT 750S
Località: Cavenago Brianza (MB)

Re: STORIA DEL SIDECAR

Messaggio da Gioel » 21/06/2018, 19:20

Grazie a te Bruno e a tutti voi che leggete questi post.
Comunque la storia continua e diventa anche più interessante, con tante idee e tante curiosità.
A domani.
✌️BRACCIO IN FUORI.... SEMPRE!!!!!!

Avatar utente
Pasquale63
Amministratore
Messaggi: 615
Iscritto il: 16/09/2017, 18:55
Moto: Dragstar 650 Classic del 1998
Località: Milano

Re: STORIA DEL SIDECAR

Messaggio da Pasquale63 » 21/06/2018, 20:16

Gioel ha scritto:
21/06/2018, 19:20
Grazie a te Bruno e a tutti voi che leggete questi post.
Comunque la storia continua e diventa anche più interessante, con tante idee e tante curiosità.
A domani.
Grazie Gianni, sempre un piacere leggere questi argomenti beer

Avatar utente
Gioel
Messaggi: 862
Iscritto il: 15/09/2017, 11:34
Moto: Honda VT 750S
Località: Cavenago Brianza (MB)

Re: STORIA DEL SIDECAR

Messaggio da Gioel » 22/06/2018, 20:26

BICICLETTA STAR CON CARROZZINO KIRK, ANNO 1885.
La Draisina restò in circolazione per qualche decennio senza grande successo, fino all'invenzione del pedale (Francia, 1861) che diede al nuovo veicolo un grande impulso: ora il ciclista non toccava il suolo e poteva avanzare agendo semplicemente sui pedali posti nel mozzo della ruota anteriore. Successivamente venne ingrandita la ruota motrice anteriore per aumentare la capacità di avanzamento.
In America, verso il 1880, la trazione venne spostata alla ruota posteriore. Poi, nel 1885, alla bici STAR venne applicato uno dei primi sidecar della storia.
Il passeggero, trasportato a lato della bici, riusciva addirittura a collaborare per l'avanzamento del veicolo.

ACCESSORI E CURIOSITA': freno alla ruota anteriore, avvisatore acustico a campana, sospensione elastica anteriore. Il carrozzino si poteva posizionare sia a destra che a sinistra; se ne poteva addirittura installare uno per lato.
02 Bicicletta con carrozzino kirk 1885 400px.jpg
02 Bicicletta con carrozzino kirk 1885 400px.jpg (19.5 KiB) Visto 151 volte
✌️BRACCIO IN FUORI.... SEMPRE!!!!!!

Avatar utente
Gioel
Messaggi: 862
Iscritto il: 15/09/2017, 11:34
Moto: Honda VT 750S
Località: Cavenago Brianza (MB)

Re: STORIA DEL SIDECAR

Messaggio da Gioel » 23/06/2018, 12:56

BERTOUX, BICICLETTA CON "VETTURETTA LATERALE" ANNO 1893
Verso la fine del XIX secolo il velocipede è protagonista di ulteriori miglioramenti ed assume l'aspetto definitivo della moderna bicicletta.
L'invenzione della trasmissione a catena consente di ridurre le dimensioni della ruota motrice mentre i raggi diventano tangenti e vengono adottate le ruote "soffici" (con camera d'aria), inventate dal veterinario scozzese Dunlop.
Nel 1892 il francese Bertoux applicò un meccanismo che consentiva di trasportare un passeggero a lato della bicicletta. L'anno dopo aggiunse un leveraggio con cui il passeggero aiutava nella spinta. (come a sostituire il futuro motore, allora in fase embrionale).
Arrivati a quel punto si avvertiva sempre più la mancanza di un propulsore meccanico.

ACCESSORI E CURIOSITA': faro anteriore a candela, avvisatore acustico "a campanello", faro posteriore ad olio, contachilometri, pistola scacciacani, bollo del 1899.
03 Bicicletta di sicurezza con vetturetta laterale bertoux 1893 400px.jpg
03 Bicicletta di sicurezza con vetturetta laterale bertoux 1893 400px.jpg (20.31 KiB) Visto 145 volte
Ultima modifica di Gioel il 24/06/2018, 14:28, modificato 1 volta in totale.
✌️BRACCIO IN FUORI.... SEMPRE!!!!!!

Avatar utente
ziomauri
Messaggi: 989
Iscritto il: 06/10/2017, 7:40
Moto: Honda VT 750 S - Motina Due
Località: Castelnuovo del Garda

Re: STORIA DEL SIDECAR

Messaggio da ziomauri » 24/06/2018, 8:09

Gioel ... fantastica questa storia !!! :) :) :)

Avatar utente
Gianluigi
Amministratore
Messaggi: 527
Iscritto il: 15/09/2017, 16:54
Moto: yamaha Vstar xvs950a
Località: cologno monzese

Re: STORIA DEL SIDECAR

Messaggio da Gianluigi » 24/06/2018, 14:17

Che Dunlop era un veterinario lo scopro dal tuo post

non si finisce mai di apprendere nella vita

grazie Gianni beer
Gli amici sono quelli che ti aiutano a rialzarti, quando le altre persone neanche sapevano che eri caduto.

Avatar utente
Gioel
Messaggi: 862
Iscritto il: 15/09/2017, 11:34
Moto: Honda VT 750S
Località: Cavenago Brianza (MB)

Re: STORIA DEL SIDECAR

Messaggio da Gioel » 24/06/2018, 14:27

PEUGEOT CON CARROZZINO IN VIMINI, ANNO 1904.
Questa motocicletta (una delle prime in Francia e nel mondo), ha un motore monocilindrico 4 tempi di 3 HP, la sospensione anteriore rigida, la trasmissione secondaria a cinghia e vari comandi manuali al manubrio ed al serbatoio.
Alla motocicletta viene abbinato un carrozzino in vimini di prima generazione, simile a quello brevettato l’anno precedente dai fratelli Graham in Inghilterra.
Il sidecar si affermò da subito rispetto ai sistemi alternativi per il trasporto del passeggero ed in poco tempo scomparvero dalle strade rimorchi ed avantreni.

ACCESSORI E CURIOSITA': avvisatori acustici a tromba, faro ad acetilene, contachilometri con numeratore, portaombrelli.
La comodità riservata al passeggero era palesemente in contrasto con l'esiguo sellino del guidatore.
04 Peugeot con carrozzino in vimini 1904 400px.jpg
04 Peugeot con carrozzino in vimini 1904 400px.jpg (24.7 KiB) Visto 137 volte
✌️BRACCIO IN FUORI.... SEMPRE!!!!!!

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite