Quello del Levriero , ma non è Trussardi !

Sezione dedicata al mondo dei motori
Avatar utente
ziomauri
Amministratore
Messaggi: 7579
Iscritto il: 06/10/2017, 7:40
Moto: Honda VT 750 S - Motina Due
Località: Castelnuovo del Garda

Quello del Levriero , ma non è Trussardi !

Messaggio da ziomauri » 14/08/2023, 15:29

Come spesso mi succede è una foto che mi fa tornare in mente un ricordo e questa mi ha ricordato un marchio italiano poco noto ma stimato all’estero , molto del materiale che segue proviene da un sito australiano .
Allegati
Screenshot_20230110-215519_Lite.jpg
Screenshot_20230110-215519_Lite.jpg (108.75 KiB) Visto 453 volte

Avatar utente
ziomauri
Amministratore
Messaggi: 7579
Iscritto il: 06/10/2017, 7:40
Moto: Honda VT 750 S - Motina Due
Località: Castelnuovo del Garda

Re: Quello del Levriero , ma non è Trussardi !

Messaggio da ziomauri » 14/08/2023, 15:31

Parilla: magia da Milano

Parilla non è un nome che viene subito in mente quando si parla di moto classiche italiane. Ma per quasi due decenni, la piccola azienda ha prodotto una straordinaria gamma di modelli, ognuno intriso di pensiero altamente originale.

Avatar utente
ziomauri
Amministratore
Messaggi: 7579
Iscritto il: 06/10/2017, 7:40
Moto: Honda VT 750 S - Motina Due
Località: Castelnuovo del Garda

Re: Quello del Levriero , ma non è Trussardi !

Messaggio da ziomauri » 14/08/2023, 15:32

Giovanni Parrilla (sì, la doppia "r" è corretta per il suo nome di origine spagnola, poi abbandonato per motivi di "marketing") aveva una piccola attività a Villa Sabotino, nella periferia sud-est di Milano, dove riparava pompe di iniezione diesel. Sebbene la seconda guerra mondiale sia stata dura per tutti in Italia, Parrilla è riuscito a guadagnarsi da vivere grazie al suo negozio di candele Bosch, ma come milioni di altri uomini d'affari, ha dovuto ristabilirsi in tempi molto austeri. Nel 1946 aveva abbastanza capitale e tempo libero per dedicarsi a un progetto; per produrre una moto da corsa per lo sport che si stava rapidamente rimettendo in piedi in Italia . Sebbene fosse la forza trainante, il lavoro di progettazione iniziale fu eseguito dal suo amico Alfredo Bianchi, che disegnò anche il logo del levriero dell'azienda. In seguito, gran parte dell'input progettuale fu affidato ad un altro amico, Giuseppe Salmaggi; un ingegnere di notevole fama, avendo disegnato il venerabile singolo Gilera Saturno, e pochi anni dopo, il meraviglioso bicilindrico a V in miniatura di 250cc ( Lambretta da corsa ) che è stato creato principalmente per spaventare la Moto Guzzi e tenerla lontano dal mercato degli scooter - un caso di “se ti metti a farci concorrenza , questo è il tipo di scooter con cui ti batteremo!” .

Avatar utente
ziomauri
Amministratore
Messaggi: 7579
Iscritto il: 06/10/2017, 7:40
Moto: Honda VT 750 S - Motina Due
Località: Castelnuovo del Garda

Re: Quello del Levriero , ma non è Trussardi !

Messaggio da ziomauri » 14/08/2023, 15:33

Parrilla era un fan del marchio britannico Norton, e la sua istruzione a Salmaggi era che la nuova macchina che portava il suo nome avrebbe dovuto assomigliare molto a una Norton. Se ciò sia stato raggiunto è discutibile, ma il risultato è stato un singolo 66mm x 72mm alesaggio e corsa 250 con l'albero a camme in testa azionato da ingranaggi conici , e il nuovo pilota ha fatto il suo debutto nella città lacustre di Lecco, proprio lungo la strada dalla fabbrica Guzzi di Mandello del Lario, nell'ottobre del 1946. La vettura da corsa modello unico , con il suo cambio a 4 marce e il magnete azionato da ingranaggi, era gravemente ostacolata dal carburante di scarsa qualità con cui era costretto a funzionare che limitava la potenza a circa 15 CV a 6.200 giri / min. Il telaio era un design convenzionale con un singolo tubo obliquo che si collegava a una culla che correva verso la parte posteriore per fornire i supporti di supporto per la sospensione posteriore a stantuffo, con forcelle a trave nella parte anteriore. Molto presto, sono state montate le forcelle telescopiche di Parilla, insieme a un freno anteriore davvero massiccio da 260 mm x 30 mm .
Allegati
MotoCiclismo1947.jpg
MotoCiclismo1947.jpg (199.54 KiB) Visto 448 volte
Parilla_ss_250_1948_edited-1.jpg
Parilla_ss_250_1948_edited-1.jpg (240.96 KiB) Visto 448 volte

Avatar utente
ziomauri
Amministratore
Messaggi: 7579
Iscritto il: 06/10/2017, 7:40
Moto: Honda VT 750 S - Motina Due
Località: Castelnuovo del Garda

Re: Quello del Levriero , ma non è Trussardi !

Messaggio da ziomauri » 14/08/2023, 15:35

Mentre lo sviluppo della racer continuava, fu progettata e costruita una versione stradale, entrambe le moto furono esposte al Salone di Milano del 1947 dove crearono notevole interesse, essendo progetti completamente nuovi in un mare di modelli prebellici rivisti . Poco dopo, apparve una versione twin-cam della racer, con potenza fino a 21 CV. La roadster, chiamata Sport, produceva 14 CV con una velocità massima di 75 mph (120 km / h).
Nella foto: fortemente personalizzata .
Allegati
parilla 250cc bialbero.jpg
parilla 250cc bialbero.jpg (60.39 KiB) Visto 447 volte

Avatar utente
ziomauri
Amministratore
Messaggi: 7579
Iscritto il: 06/10/2017, 7:40
Moto: Honda VT 750 S - Motina Due
Località: Castelnuovo del Garda

Re: Quello del Levriero , ma non è Trussardi !

Messaggio da ziomauri » 14/08/2023, 15:38

A poco a poco la piccola azienda crebbe , anche se la squadra corse non riuscì a ottenere molti risultati degni di nota. Si aggiunse una gamma di piccoli due tempi che spaziavano da una 100 (in realtà 98cc), 125 (disponibile sia in versione touring che sportiva) e una 250, tutte disegnate da Salmaggi.
Allegati
parilla olimpia 125.jpg
parilla olimpia 125.jpg (283.33 KiB) Visto 445 volte

Avatar utente
ziomauri
Amministratore
Messaggi: 7579
Iscritto il: 06/10/2017, 7:40
Moto: Honda VT 750 S - Motina Due
Località: Castelnuovo del Garda

Re: Quello del Levriero , ma non è Trussardi !

Messaggio da ziomauri » 14/08/2023, 15:41

Qui vediamo una 125 2 tempi "Trializzata" nelle mani di Olga Kevelos , attivissima in vari campi motoristici , me ne sono interessato qui :

viewtopic.php?f=29&t=379&hilit=olga+kevelos
Allegati
Olga Kevelos 1952.jpg
Olga Kevelos 1952.jpg (169 KiB) Visto 443 volte
Parilla  Olga Kevelos.jpg
Parilla Olga Kevelos.jpg (204.63 KiB) Visto 443 volte

Avatar utente
ziomauri
Amministratore
Messaggi: 7579
Iscritto il: 06/10/2017, 7:40
Moto: Honda VT 750 S - Motina Due
Località: Castelnuovo del Garda

Re: Quello del Levriero , ma non è Trussardi !

Messaggio da ziomauri » 14/08/2023, 15:43

Per seguire la mania degli scooter, Parilla introdusse nel 1952 il Levriere (levriero) a due tempi da 125 cc, che era più vicino nel concetto alla Moto Guzzi Galletto che agli scooter Lambretta e Vespa, con forcelle telescopiche, ruote grandi e carrozzeria completa, selle gemelle e predisposizione per il trasporto dei bagagli. Fu portato a 150cc e una 4a marcia aggiunta nel 1954, e fu venduta negli Stati Uniti come Greyhound fino a quando la produzione cessò nel 1958.
Allegati
OBA69-Parilla-Levriere.jpg
OBA69-Parilla-Levriere.jpg (282.57 KiB) Visto 442 volte

Avatar utente
ziomauri
Amministratore
Messaggi: 7579
Iscritto il: 06/10/2017, 7:40
Moto: Honda VT 750 S - Motina Due
Località: Castelnuovo del Garda

Re: Quello del Levriero , ma non è Trussardi !

Messaggio da ziomauri » 14/08/2023, 15:45

Nel 1953 un nuovo ingegnere entrò a bordo, l'ing. Soncini, che produsse 250 e 350 bicilindrici , continuando i nomi a tema “cane” rispettivamente con il Setter e il Veltro (cane da caccia), ma i motori erano massicciamente sovrappeso e piuttosto lenti nelle prestazioni. Il motore bicilindrico aveva un volano centrale in acciaio con testa e canna in acciaio che aggravavano solo i problemi di peso.
Allegati
OBA69-Parilla-350 twin.jpg
OBA69-Parilla-350 twin.jpg (337.34 KiB) Visto 440 volte

Avatar utente
ziomauri
Amministratore
Messaggi: 7579
Iscritto il: 06/10/2017, 7:40
Moto: Honda VT 750 S - Motina Due
Località: Castelnuovo del Garda

Re: Quello del Levriero , ma non è Trussardi !

Messaggio da ziomauri » 14/08/2023, 15:48

Più tardi nello stesso anno, fu aggiunto un singolo da 175 cc (noto in seguito come "high cam"). Di tutti i modelli, la 175 divenne il piu’ venduto per Parilla, il modello stradale vendette abbastanza bene e una versione elaborata partecipò al Giro d'Italia ottenendo un discreto successo, compresa una vittoria. Commercializzata ufficialmente in due versioni, come la Sport o la Special, la 175 avrebbe definito la forma complessiva delle Parilla per il resto della storia dell'azienda, che purtroppo fu fin troppo breve. Il motore "High Cam" era un design unico nel suo genere, con l'albero a camme posizionato in testa , azionato da una catena, con aste di spinta corte che azionavano i bilancieri alle valvole, che erano impostate a 90 gradi. Il 60mm x 62mm alesaggio x corsa 175 aveva un rapporto di compressione di 8,5:1 e sviluppava 14,5 CV a 8.200 giri/min. La testata in lega leggera aveva una riduzione della camera di combustione in ottone. L'accensione avveniva tramite bobina alimentata da un accumulatore a secco britannico Varley prodotto su licenza in Italia dalla Safa. La trasmissione primaria era ad ingranaggi elicoidali al cambio a quattro marce . Spuntando la parte anteriore del motore sul lato destro alloggiava una torre alettata che era il bocchettone di carico dell’olio. Un autentico 70 mph da un 175 era una cifra invidiabile nel 1953.
Allegati
Moto_Parilla_No8,_pic8.jpg
Moto_Parilla_No8,_pic8.jpg (322.89 KiB) Visto 439 volte
OBA69-Parilla-2.jpg
OBA69-Parilla-2.jpg (366.63 KiB) Visto 439 volte
parilla 175.jpg
parilla 175.jpg (44.7 KiB) Visto 439 volte

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite